-
-
1.589 m
416 m
0
7,0
14
28,0 km

Vista 677 veces, descargada 2 veces

cerca de Zuglio, Friuli Venezia Giulia (Italia)

Percorso entusiasmante per chiunque ami cimentarsi in discese mozzafiato in mezzo ai boschi, ma fruibile, per mezzo di una variante, anche ai meno arditi.
Il giro parte dal parcheggio di Zuglio (arrivando dalla statale che da Tolmezzo conduce al passo di monte Croce carnico, attraversato il ponte sul torrente But, si svolta a destra e si prosegue per circa 500 m in direzione Fielis).
Lasciato il parcheggio, si percorre la pista ciclabile che conduce alle terme di Arta; da qui, appena passato il ponte sul But, si svolta subito a sinistra e si percorre ancora un tratto di ciclabile fino a sbucare sulla statale; si prosegue fino a raggiungere il paese di Noiariis, sulla destra orografica della valle.
Entrati nel paese di Noiariis, si giunge a una piazzetta da cui si diparte, alla nostra sinistra, la carrareccia contrassegnata col segnavia CAI 159, che conduce con pendenze mai eccessive e con piacevoli scorci sulle cime circostanti fino a malga Dauda. Da qui consigliamo una rapida digressione fino a Malga Meleit, poco distante lungo la carrareccia che ora è contrassegnata come CAI 157, dove ci si può rifocillare con affettati e formaggi di produzione locale. Una volta ripresi dalla sfacchinata in salita, ci si può finalmente buttare giù percorrendo lo sterrato che da malga Dauda scende in direzione di Fielis (dalla malga lasceremo sulla sinistra la strada che sale da Noiariis e che abbiamo percorso in salita e prenderemo quella di destra), e dopo aver lasciato alle spalle il laghetto che funge da abbeveratoio e un primo tornante sulla destra, poco dopo il secondo tornante sulla destra (procedere lentamente), troveremo sulla nostra sinistra l'imbocco del sentiero del Vaupis: a questo punto i temerari potranno lanciarsi in un taboga di curve, controcurve, dossi e cunette che regaleranno emozioni da montagne russe (seguire i frequenti bollini rossi che fanno da guida lungo il tracciato) , mentre i meno coraggiosi potranno proseguire diritti lungo la carrareccia che giunge fino a Fielis (attenzione comunque alla pendenza del tracciato da non trascurare). Da Fielis di nuovo si propongono due alternative: o scendere agevolmente lungo la strada asfaltata fino al parcheggio di partenza, oppure seguire le indicazioni per la pieve di San Pietro (variante per biker esperti); dal piazzale della chiesa, si prosegue sulla destra fino alla chiesa di Santa Maria in monte (CAI 157a) e poi proseguire dritti. Il single track continua fino al parcheggio attraversando più volte la strada asfaltata (prestare la massima attenzione onde evitare incidenti).
Buon divertimento

Comentarios

    Si quieres, puedes o esta ruta